Ucraina. Le ragioni di Putin (e della Russia) e l’azzardo a stelle e strisce (tramite la Nato)

Ucraina. Le ragioni di Putin (e della Russia) e l’azzardo a stelle e strisce (tramite la Nato)
https://www.vision-gt.eu/societa-italiana-di-geopolitica/ucraina-le-ragioni-di-putin-e-lazzardo-a-stelle-e-strisce/
   Era il settembre del 2014 quando la crisi Ucraina si affacciava all’orizzonte degli eventi che di lì a qualche anno avrebbero mutato lo sguardo non solo sul mondo di allora, ma su come il mondo si sarebbe presentato nei prossimi anni e con esso l’Europa. Al di là delle primavere arabe e delle rivoluzioni diversamente colorate, sembrava che, a distanza di poco più di dieci anni la potenza vincitrice della Guerra Fredda, gli Stati Uniti, avrebbe dovuto raccogliere i frutti di un impegno su più fronti, di uno sforzo economico e militare condotto in nome di un universalismo democratico da esportazione sia in Medio Oriente che in Asia Centrale e, ovviamente, nel cortile europeo con l’allargamento della Nato ad Est.
 

   Affrontare oggi la crisi tra Stati Uniti e Russia per l’Ucraina nella Nato non è cosa da poco e non può lasciarsi dietro le spalle, qualunque sia il presupposto intenzionale, ciò che la storia ha provocato, prodotto e produce nel tempo. L’Ucraina non è solo terra di confine come il suo nome vorrebbe consigliarci e magari chiudere un primo cerchio su una sorta di destino già scritto. Essa è quel gate della storia, quel nucleo originario di prima organizzazione politica del potere che nei secoli avrebbe portato alla creazione della Russia imperiale.

   La Russia deve molto alla vichinga Rus' di Kiev (860 d.C) e al suo re - Oleg di Kiev, o anche noto come Oleg di Nóvgorod - per l’avvio di quella che sarebbe stata un’esperienza più che millenaria; un ricordo, questo, che non è solo un esercizio per eruditi del momento visto che, per Francis Fukuyama, la storia doveva ritenersi conclusa all’alba del Duemila, lasciando i destini del mondo all’ultima potenza sopravvissuta alla Guerra Fredda: gli Stati Uniti. Ma così non è stato e così non lo è oggi.

   Che si sia creduto e che si creda ancora che Putin giochi allo zar o che si giustifichi una nuova possibile futura, per quanto improbabile, una guerra “democratica” targata Nato, leggasi Stati Uniti, che potrebbe prima o poi trascinare il continente europeo in un nuovo baratro, la verità è che ancora una volta il gioco di potenza si sposta in Europa. Una scelta che sembra voler restituire centralità strategica a un continente passato in secondo piano rispetto agli interessi ben più prevalenti che si sovrappongono in Asia e nella regione del cosiddetto Indo-Pacifico.

Seguita a leggere, scarica il working paper: Ucraina le ragioni di Putin.

Utilizziamo i cookies

Utilizziamo i cookies sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.


È consentito il download degli articoli e contenuti del sito a condizione che ne sia indicata la fonte e data comunicazione all’autore.
Gli articoli relativi a contributi pubblicati su riviste si intendono riprodotti dopo quindici giorni dall’uscita.